Skip to main content

Geneva pride (GE)

"Niente è lasciato al caso: questa è la chiave per reagire rapidamente in caso di situazione caotica. Abbiamo procedure in caso di temporale, in caso di attentato, in caso di stupro, e questi sono solo alcuni esempi."

Leggi la nostra intervista esclusiva con Daphné Villet, Co-Presidente e Responsabile della Sicurezza del Geneva Pride. Mostra come la sicurezza e l'inclusione si uniscano per creare un ambiente in cui tutti possano vivere liberamente. Garantendo la sicurezza di un evento del genere, siamo orgogliosi di poter contribuire alla lotta contro tutte le forme di discriminazione.

In occasione della settimana del Gay Pride, che si terrà a Ginevra dal 6 al 10 giugno 2023, abbiamo avuto il piacere di incontrare Daphné Villet, Co-Presidente e Responsabile della Sicurezza del Geneva Pride.

Questa intervista per noi è stata importante per due motivi:

1. Protectas è orgogliosa di fornire la sicurezza per l'evento

2. La nostra azienda si impegna a combattere le discriminazioni di tutti i tipi

E la nostra interlocutrice, Daphné Villet, incarna pienamente questa duplice preoccupazione.

Nata nel 1976 con doppia nazionalità franco-svizzera, ha deciso di iniziare la sua transizione di genere nell'estate del 2018.

Daphné è una specialista della sicurezza degli eventi, con oltre 30 anni di esperienza nella gestione di eventi e 12 anni nella sicurezza privata. La sicurezza dello Stadio di Ginevra, i concerti all'Arena, la Lake Parade e il Festival di Ginevra non hanno praticamente segreti per lei.

Molto coinvolta nella comunità queer di Ginevra, è stato naturale per lei combinare queste due aree e diventare responsabile della sicurezza del Geneva Pride 2020, poi co-presidente e responsabile della sicurezza del Geneva Pride 2021.

Anche quest'anno, sarà responsabile della sicurezza del Geneva Pride 2023.

 

Salve Daphné, può dirci cosa comporta l'organizzazione di un'operazione di sicurezza su larga scala?

Prima di tutto, è fondamentale capire che non ci affidiamo solo a un'azienda di sicurezza professionale, ma anche alla comunità. Riuniamo diverse entità all'interno dell'evento per creare una solida rete di sicurezza. Grazie alla rete che ho costruito nel corso degli anni, posso selezionare le persone migliori per il lavoro.

Poi elaboriamo uno studio dettagliato, che può arrivare a 150 pagine! Si tratta di un processo approfondito che tiene conto di molti fattori, compresi gli eventi attuali. Quest'anno, ad esempio, l'osservazione di ciò che sta accadendo in tutto il mondo, sia in Florida, in Russia o proprio da noi a Ginevra, in Svizzera, ci ha portato ad aumentare il livello di sicurezza rispetto al 2021. Stiamo assistendo a una polarizzazione della società con un aumento dell'estremismo da entrambe le parti. Da una parte ci sono i cosiddetti gruppi che vogliono semplicemente vederci scomparire, dall'altra c'è la comunità, che lotta per l'uguaglianza e rivendica a gran voce semplicemente il diritto di vivere.

Una volta stabilito un piano, come viene effettivamente implementato sul campo?

Abbiamo creato un PCO (posto di comando dell'organizzazione) con operatori specializzati, che sono una parte importante del sistema. Queste persone chiave sono sia i responsabili della sicurezza che i dirigenti medici, in grado in entrambi i casi di comunicare, se necessario, in una lingua idonea.

Utilizziamo anche Protectas per gli agenti di sicurezza. Lavorano in coppia, sono dotati di radio e, piccolo ma importante dettaglio, non indossano l'uniforme tradizionale. Abbiamo creato una maglietta verde appositamente per l'occasione, con la scritta "Sécurité". L'idea è di rompere con i codici abituali del settore e di integrare gli agenti di sicurezza come partner interni dell'evento. Credo che abbia anche un impatto positivo sul pubblico, avvicinandolo a noi e rendendolo più accessibile.

Oltre a questo team di sicurezza ufficiale, esiste un'entità interna specifica per l'evento?

Sì, abbiamo i nostri Pride Angels, identificabili dalla loro casacca rosa. Si tratta di volontari che formiamo appositamente per l'occasione. Insegniamo loro le comunicazioni radio, i dispositivi del Village e della Parata, la posizione di ognuno e le procedure in caso di incidente. Le nostre coppie sono miste, e attenzione: per noi, misto non significa solo in termini di genere, ma anche in termini di carattere. Per funzionare correttamente, ogni coppia deve essere equilibrata.

I nostri Pride Angels sono il primo punto di contatto per il pubblico. Sono disponibili a fornire informazioni e anche a darci un feedback dal campo. Sono gli occhi e le orecchie dell'evento.
Sono la prima linea di difesa in caso di tensione, in quanto allerteranno il PCO, che invierà gli agenti nelle vicinanze per cercare inizialmente di disinnescare la situazione da soli. Se non funziona, subentrano gli agenti di sicurezza. In caso di incidente, i nostri Pride Angels forniscono un supporto psicologico e restano accanto alla persona fino all'arrivo dell'assistenza medica.

Sono inoltre dotati di una radio.

Può dirci di più sulle risorse di comunicazione impiegate durante l'evento?

In totale, abbiamo circa 100 radio disponibili contemporaneamente.

Questo mezzo di comunicazione ha diversi canali riservati alle questioni di sicurezza, mediche e organizzative. Abbiamo anche creato un canale dedicato per la gestione delle crisi in caso di necessità.

Prima di ogni nuovo turno, viene organizzato un briefing per tutti gli interessati.

Nulla è lasciato al caso: questa è la chiave per reagire rapidamente in caso di situazione caotica. Abbiamo procedure in caso di temporali, attacchi e stupri, per citarne solo alcuni.

Cifre chiave

  • 30.000 persone alla parata nel 2021
  • 40.000 previste entro il 2023, di cui 20.000 nel Village
  • 7 giorni di attività
  • 17 agenti per il Village
  • 36 agenti per la Parata
  • 90 radio
  • 50 Pride Angels

Grazie a Daphné per queste risposte illuminanti. La sicurezza alle parate del Pride è fondamentale per garantire un evento inclusivo e positivo che contribuisca allo sviluppo della comunità LGBTQ+. Lavorando insieme, possiamo continuare a rendere questi eventi luoghi di orgoglio, solidarietà e progresso.

Celebriamo insieme la diversità al Geneva Pride! Siamo orgogliosi di ciò che siamo e sosteniamo la comunità LGBTQ+.

Modulo di contatto

Tipo
Avete già installato un allarme a casa vostra?
Già cliente?
Titolo
Iscriviti alla nostra newsletter

Inviando questo modulo, acconsente al trattamento dei suoi dati personali. Cliccare qui per saperne di più sul trattamento dei suoi dati personali.

Questo modulo non accetta messaggi relativi al reclutamento. Si prega di collegarsi alla nostra pagina dedicata: Le nostre offerte di lavoro.

Le candidature presentate qui non saranno prese in considerazione. I candidati devono quindi seguire la procedura standard.

Sei già cliente? Si prega di inviare la richiesta tramite e-mail a: ticino@protectas.com

An error has occurred while getting captcha image