Chaplin’s World – unico al mondo!

Il museo Chaplin’s World a Corsier-sur-Vevey è interamente dedicato alla vita e alla carriera del grande interprete del cinema muto Charlie Chaplin. È Protectas a garantire la sicurezza del sito, grazie al suo personale discreto e cordiale e a una tecnica di sorveglianza all’avanguardia.

Una villa magnifica, un parco immenso e una vista imprendibile sul Lago di Ginevra e sulle Alpi: in veste di turista, non è difficile immaginare il motivo che ha spinto Charlie Chaplin a scegliere Manoir de Ban a Corsier-sur-Vevey come residenza per tutta la famiglia. La villa, ora diventata un museo, è aperta al pubblico dal 16 aprile 2016. Entrando nella casa padronale, negli edifici annessi e nel grande studio cinematografico, le visitatrici e i visitatori hanno l'opportunità d'immergersi nella vita privata e artistica dell'indimenticabile genio del cinema.

Il museo Chaplin's World è sotto la direzione di Jean-Pierre Pigeon da fine 2015, quindi già prima della sua inaugurazione. Padre canadese e madre svizzera, Pigeon ha lavorato a lungo nell'organizzazione congressuale viaggiando in ben 92 paesi, prima di approdare nel 2015 alla guida del museo sul Lago di Ginevra.

È molto più di un semplice museo, è il Chaplin's World. Ogni giorno, gli amatori e i fan più appassionati si dilettano nel visitare questo gioiello.

 

Sicuro, con discrezione

Nel Chaplin's World i visitatori godono di grande libertà di movimento. Possono avvicinarsi moltissimo alle opere esposte, fotografarle e persino filmarle. Anche il dispositivo di sicurezza si deve adeguare a questo concetto, afferma Jean-Pierre Pigeon: «Vogliamo che sia un museo da toccare con mano e puntiamo su un'idea di sicurezza discreta, che non intimorisca i visitatori. Niente omaccioni muscolosi, ma agenti di sicurezza che svolgano la propria mansione mostrando tatto, anche nelle situazioni più a rischio – ad esempio quando ci sono gruppi di visitatori selvaggi da tenere a bada.»

A detta di Jean-Pierre Pigeon, la partnership tra Protectas e Chaplin's World in fatto di sicurezza non poteva essere più azzeccata: «La collaborazione è stata perfetta sin dall'inizio. Il COO di Protectas è venuto qui di persona, per capire con esattezza le nostre esigenze.»

I collaboratori per la sicurezza di Protectas svolgono mansioni di sorveglianza e controllo all'interno del museo e nel parco. Un ruolo fondamentale per la sicurezza del museo è ricoperto dal sistema di sorveglianza da remoto, il Remote Video Solutions (RVS), grazie al quale i collaboratori del Security Operations Center di Protectas possono monitorare tutte le aree del Chaplin's World, anche di notte a luci spente. Il sistema RVS offre non solo massima sicurezza, ma consente di ridurre anche i costi in quanto c'è bisogno di meno personale operativo in loco.

Jean-Pierre Pigeon afferma di apprezzare soprattutto il fatto che Protectas sia in grado di mettere a disposizione sempre e con poco preavviso risorse aggiuntive, anche in occasione di eventi speciali o di manifestazioni. Questa flessibilità è importante tanto quanto la professionalità del personale di sicurezza e la sorprendente stabilità personale all'interno del team. I collaboratori per la sicurezza sono ben integrati nell'azienda e la direzione del museo è sempre seguita da una persona di riferimento, in caso di necessità.

Tra le maggiori sfide del Chaplin's World ci sono le misure precauzionali in occasione delle frequenti visite di VIP da tutto il mondo, ad esempio quelle dell'attrice italiana Sophia Loren, dell'ex vice-presidente degli Stati Uniti Al Gore o del regista del Titanic Billy Zane. «Gli ospiti VIP, nella maggioranza dei casi, hanno il proprio personale di sicurezza» afferma Jean-Pierre Pigeon. «I nostri operatori hanno il compito di collaborare con questi specialisti esterni.»

«Non posso che consigliare Protectas», conclude il direttore del Chaplin's World. «In tutta la mia carriera, non mi è mai capitato di avviare una collaborazione così proficua.»

www.chaplinsworld.com

 

Contattaci
*
*
*
*

Come desidera essere contattato?

*
*