Leader nella giungla della formazione

Ogni due anni, sempre nel mese di ottobre da mercoledì a domenica, sono circa 60 000 le visitatrici e i visitatori – di cui 24 000 studentesse e studenti – che cercano di orientarsi nel mondo della formazione professionale e sulle opportunità di carriera nell’ambito della manifestazione di orientamento professionale organizzata a Basilea. Circa 150 espositori, tra cui 60 associazioni di categoria, distribuiti su un’area espositiva di 8000 metri quadrati sfruttando in alternanza i siti di Liestal e Pratteln, presentano 220 professioni per le quali è possibile formarsi nel Canton Basilea Campagna. 

Il mondo del lavoro: che avventura!

A 13 o 14 anni la maggior parte degli studenti e delle studentesse non ha ancora un'idea precisa di quale lavoro fare da grande. Naturalmente sul web possono reperire ogni tipo d'informazione utile, ma «il contatto personale e la reale visione del mestiere sul campo vale più di qualsiasi appuntamento digitale. Grazie alla manifestazione di orientamento professionale, gli adolescenti possono farsi un'idea concreta del mondo del lavoro», spiega Urs Berger, vicedirettore del Canton Basilea Campagna e responsabile per la formazione professionale della Camera di Commercio di Basilea Campagna, il quale organizza questa manifestazione professionale dal 1999, in collaborazione con un team del comitato organizzativo.

Professioni da toccare con mano

I giovani vogliono scoprire i mestieri e toccarli con mano, per capire cosa li aspetterà un domani. A suon del motto «Toccare, prego!», gli stand di ogni settore offrono presentazioni realistiche delle professioni, con postazioni di lavoro attrezzate a regola d'arte, inclusi materiali grezzi, macchinari, apparecchi, dispositivi, utensili, strumenti, accessori e uniformi. Un po' dappertutto si procede a montare, martellare, allestire, misurare, saldare, effettuare manutenzioni, programmare e discutere intensamente con gli apprendisti e i formatori incaricati. Lo scambio di opinioni con gli esperti suscita un vivo interesse e si dà risposta alle molte domande sulla formazione di base e le possibilità di crescita e di formazione continua.

La sicurezza di tutti è la priorità assoluta

La fiera dei mestieri è una grande manifestazione, esposta a rischi specifici e danni potenziali. «Dobbiamo far fronte a una molteplicità di rischi», spiega Urs Berger «e per noi la sicurezza è estremamente importante». Dal 2006 Protectas lo sostiene in questo compito, con svariate soluzioni di sorveglianza e protezione e tramite personale che controlla la sicurezza del sito. Grazie a questa stretta collaborazione pluriennale, è stato possibile evitare prima, durante e anche dopo lo svolgimento della fiera episodi di furto, atti vandalici o altri imprevisti.

Concetto di sicurezza integrato

I servizi richiesti comprendono compiti molteplici e vari, che possono essere affrontati solo grazie a un'accurata pianificazione, gestita in modo univoco. Da un lato l'area, i tendoni e tutti gli stand completi di macchinari, attrezzi e computer devono essere monitorati giorno e notte e messi in sicurezza da danneggiamenti e furti.
Dall'altro le complesse operazioni logistiche di montaggio e smontaggio dei giorni che precedono e seguono la fiera richiedono una strettissima collaborazione – minuto dopo minuto – da parte di allestitori, fornitori e ditte di spedizione. Per non parlare delle operazioni di sorveglianza durante la fiera, dei controlli all'ingresso e della gestione dei flussi di visitatori. E da ultimo, ma non per importanza, occorre anche prevedere con minuziosità alcuni possibili scenari, come emergenze mediche, evacuazioni urgenti, maltempo, attentati e stabilire dei precisi piani d'azione con la polizia, i vigili del fuoco e le autorità municipali.

La collaborazione come fattore chiave per la buona riuscita

La manifestazione di orientamento professionale ha visto sin dall'inizio il sostegno degli stessi esperti e tecnici della sicurezza di Protectas. Compito dopo compito, i due team di progettazione sviluppano la loro cooperazione, affinano il concetto e gli approcci d'intervento. Durante la fiera si passano attentamente sotto la lente d'ingrandimento e si protocollano tutte le procedure rilevanti in termini di sicurezza, le quali poi vengono tenute in considerazione per la progettazione dell'edizione successiva. Urs Berger: «Gli operatori di Protectas riflettono insieme a noi, avanzano continuamente proposte concrete e ci tengono al corrente sugli ultimi sviluppi tecnologici.» L'esempio più recente è l'utilizzo della vigilanza da remoto (Remote Video Solutions).
Le soluzioni di sorveglianza a distanza sono state introdotte nel 2017 su sollecitazione di Protectas e, da allora, si sono rivelate così utili, che dall'edizione seguente sono state impiegate non solo all'esterno, ma anche all'interno dell'area fieristica. Quanto sia utile l'impiego di una telecamera è facilmente intuibile leggendo il seguente aneddoto: una sera si registravano dei rumori e dei movimenti provenienti dal vicino ostello della gioventù.
La centrale d'intervento, tramite l'altoparlante integrato nella telecamera, ha intimato al gruppo in questione di lasciare l'ostello, procurando un grande spavento agli autori ignari di tutto, che hanno immediatamente lasciato l'edificio senza causare danni.

«Ci reinventiamo ogni volta.»

La prossima manifestazione di orientamento professionale avrà luogo dal 23 al 27 ottobre 2021 a Liestal e sarà dedicata ancora una volta ai numerosi e avventurosi mondi dell'interattività. Riuscire ad entusiasmare una nuova «generazione» di apprendisti ogni due anni è una grande sfida. Urs Berger: «Puntiamo consapevolmente sulla digitalizzazione per attirare i giovani. La manifestazione di orientamento professionale ha il proprio sito web, comunica sui canali social e, naturalmente, utilizza i codici QR e le app sul cellulare per ogni tipo d'informazione ai visitatori». Allo stesso modo la comunicazione con gli espositori e le aziende partner avviene esclusivamente in forma digitale: mentre ogni stand dispone di un proprio fascicolo elettronico contenente documenti, piani di sicurezza e le statistiche dei visitatori in tempo reale, anche le aziende partner come le ditte di trasporto, che mettono a disposizione treni e autobus speciali, ricevono le istruzioni online. «La costante digitalizzazione di tutti i processi ci consente di avere una visione d'insieme ed è anche utile in termini di sostenibilità», ribadisce il Presidente del Comitato organizzativo, che del resto ha sposato i principi del processo di miglioramento continuo («Kaizen») e dell'innovazione.

Contattaci
*
*
*
*

Come desidera essere contattato?

*
*